Reggio Children | Centro Internazionale Loris Malaguzzi | Reggio Emilia Approach

Dalla programmazione per attività alla predisposizione dei contesti di apprendimento

Le condizioni che aprono a una molteplicità di percorsi possibili

WEBINAR ON DEMAND

Cos’è un contesto?

Che differenza c’è tra predisporre un contesto o pensare una attività?

Questo è il tema che svolgeremo in questo secondo webinar. Ricorrendo ad ampio materiale di documentazione, condivideremo con i partecipanti i saperi acquisiti dagli insegnanti dei nidi e delle scuole dell’infanzia comunali di Reggio Emilia

 

L’etimologia del termine contesto rimanda a ciò che è tessuto insieme, un concetto che sta alla base dell’approccio sistemico della scienza contemporanea e che mette in primo piano la dimensione della relazione.

Cosa è tessuto insieme?

Aspetti materiali: lo spazio, gli strumenti, gli arredi, le persone, e aspetti immateriali: i tempi, le relazioni, le regole implicite ed esplicite, cioè la cultura in cui si colloca quella situazione.

Ragionando per opposizione ed estremizzando il concetto, possiamo dire che programmare per attività, vuol dire solitamente predisporre, mettendo a disposizione i materiali giusti e necessari, situazioni successive che hanno un obiettivo preciso, in cui si chiede ai bambini di eseguire un compito in modo più o meno corretto o creativo.

Progettare per contesti vuol dire dare forma a spazi aperti in cui i bambini insieme all’adulto, all’interno di una scopo condiviso, ricercano per acquisire una maggiore comprensione del mondo in cui vivono, aprendo piste di ricerca e di elaborazione non sempre previste e cercando di dare una propria forma originale alle idee e alle rappresentazioni che ne scaturiscono, in una dimensione di cooperazione.

Il come i bambini procedono è lo spazio di ricerca dell’adulto che è una parte determinante del contesto.

Non esiste un adulto neutrale in osservazione.

L’adulto osserva e mentre osserva modifica il contesto stesso con la sua presenza fatta di gesti, mimiche, parole, posture, idee, teorie, interpretazioni, silenzi.

I bambini in un contesto agiscono, pensano, dialogano, provano, attendono e questo modifica il contesto, cioè lo spazio, i bambini e gli adulti.

Il contesto è quindi una dinamica ed è in modificazione continua, una dinamica che co-evolve nell’azione e nella relazione.

L’osservazione è, anche quando non ne siamo consapevoli, un processo che attiva circolarità tra la mente dell’adulto e la mente dei bambini.

Se ne siamo consapevoli, questa diventa una risorsa particolarmente feconda per l’apprendimento dei bambini e degli adulti.

A differenza delle attività il contesto è per sua natura una occasione di formazione e autoformazione, per l’adulto.

Come vedremo l’azione in un contesto promuove nuove consapevolezze e una sempre maggiore strumentazione concettuale e operativa che gli insegnanti continuano ad alimentare in questa dinamica tra prefigurazioni, predisposizioni, osservazioni, interpretazioni, riprogettazioni di nuovi contesti.

 

Attraverso materiali documentativi proveremo a condividere con i partecipanti i saperi acquisiti dagli insegnanti dei nidi e delle scuole dell’infanzia comunali di Reggio Emilia su quali sono le attenzioni, i pensieri, gli atti necessari per dare forma a contesti di apprendimento, la cui evoluzione costituisce il nucleo centrale della strategia progettuale.

 

I webinar on demand li puoi vedere e rivedere per 1 mese dalla data di acquisto nella tua area personale.

 

___________________________

Questo webinar fa parte del

CICLO DI WEBINAR SULLA PROGETTAZIONE

Progettare al nido e alla scuola dell’infanzia
Strategie per partecipare con i bambini alla costruzione della conoscenza

Tematiche del video:
Progetti didattici Filosofia educativa (Reggio Emilia Approach)
RC AP ICON StudyGroups copia

Digital Study Group

Per conoscere il Reggio Emilia Approach®

LIVE DAI NIDI E DALLE SCUOLE

Ascolta insegnanti, educatori, pedagogisti, atelieristi che lavorano nei nidi e nelle scuole di Reggio Emilia

ESPERIENZE E PROGETTI

Guarda le documentazioni che raccontano esperienze e progetti attuali nei nidi e nelle scuole di Reggio Emilia.

DIALOGO E CONFRONTO

La piattaforma Zoom sarà una piazza virtuale, dove proseguire scambi e dialoghi sul tema dell’educazione.

Relatori
Paola Cagliari
Pedagogista

Paola Cagliari è stata insegnante alla Scuola comunale dell’infanzia “Diana” di Reggio Emilia, pedagogista del Coordinamento pedagogico e Direttore dell’Istituzione Scuole e nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia. Per Reggio Children collabora alla realizzazione di progetti di ricerca, editoriali, mostre e di percorsi formativi, in Italia e all'estero.

Lucia Colla
Insegnante

Insegnante formatore dell’Istituzione Scuole e Nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia dal 2007.
Per Reggio Children collabora alla realizzazione di progetti editoriali e di percorsi formativi attraverso la partecipazione a seminari e workshop in Italia e all’estero.


Entra a far parte della Reggio Emilia Approach digital community

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere sconti, contenuti speciali e altre iniziative dedicate alla community. Ti informeremo, inoltre, appena il calendario dei nuovi webinar live sarà online.

Accetti di ricevere la newsletter del sito Reggio Children. Potrai disiscriverti in qualsiasi momento grazie al link contenuto in ogni newsletter che ti invieremo.

Il Reggio Emilia Approach® è una filosofia educativa fondata sull’immagine di un bambino con forti potenzialità di sviluppo e soggetto di diritti, che apprende attraverso i cento linguaggi appartenenti a tutti gli esseri umani e che cresce nella relazione con gli altri.