Newsletter

L’ospedale con gli occhi dei bambini

L’ospedale è un posto importante, a Reggio, della città. Se conosci un posto, dopo, la paura un po’ va via. In ospedale c’è la musica di silenzio, quando in tutto l’ospedale dormono e si sentono solo i carrelli o i campanelli che schiacci il pulsante per chiamare qualcuno“. Leggeri e, al tempo stesso profondi, i pensieri dei bambini, da oggi, accompagneranno quanti attraverseranno Poliambulatori e Core, dove due installazioni sono state inaugurate sabato 8 aprile 2017: lungo i corridoi e sui vetri delle finestre scorre una selezione dei pensieri di bambini di 4 e 5 anni della Scuola dell’infanzia Ernesto Balducci, che hanno partecipato al dialogo che, da anni, si rinnova tra i servizi educativi comunali di Reggio Emilia e l’Arcispedale S. Maria Nuova.

 

Questo progetto rientra, come altri analoghi, nel percorso “L’ospedale con gli occhi dei bambini” promosso da Istituzione Scuole e Nidi, Reggio Children, Fondazione Reggio Children Centro Loris Malaguzzi, Arcispedale S.Maria Nuova, e che ha come obiettivo sostenere l’incontro tra i bambini e i luoghi pubblici della città – in questo caso in particolare l’Arcispedale – per renderli spazi sempre più accoglienti e relazionali.

 

Un papà, che lavora nell’ospedale, ha lanciato l’idea: quale sarà l’immagine che i bambini hanno dell’ospedale? Lo vedono solo come luogo di sofferenza o è forse più una percezione degli adulti?

Alcune visite dei bambini nei luoghi dell’ospedale –  corridoi, piani alti, ambulatori, scale, ma anche spazi esterni, parchi adiacenti – e incontri con operatori sanitari, con le successive elaborazioni a scuola, hanno aiutato ad avere un quadro più chiaro e, decisamente, molto interessante di quello che pensano i bambini.

Intanto, “all’ospedale ci sono dei letti dove le mamme si sdraiano per far nascere i bimbi” e “I dottori sono persone normali come noi: abitano in casa, però quando bisogna andare a lavorare vanno all’ospedale a curare le persone“. E poi “Se uno non sta male, può andare a casa“, ma attenzione perché “Se uno è morto, non serve a niente andare all’ospedale, perché non possono farlo rivivere!”.

Saggi, i bambini non pensano all’ospedale come solo luogo di malattia, ma di cura: “Curare vuol dire far star bene una persona“. Solo persone? Neanche per sogno “Noi ci prendiamo anche cura dei nostri cani veri. Poi noi a scuola facciamo i curatori dell’orto. Tutte le persone si devono prendere cura di tutto il mondo”.

 

Non mancano i consigli dei bambini a chi si trova costretto a stare in ospedale: “Se venite in ospedale per far nascere un bambino, vi consigliamo di riposarvi perché poi il bambino è pesante e se cade, e non ha il ciuccio, non si riesce a calmare. Vi consigliamo di portare un libro o un gioco, così non vi annoiate mentre aspettate. Se dovete stare qualche giorno, e anche di notte, vi consigliamo di fare amicizia con quello che non conosci e che è vicino al tuo letto.

Tutti i pensieri dei bambini, di cui le installazioni in ospedale riportano una selezione, sono raccolti in una pubblicazione che è stata distribuita a quanti hanno partecipato al progetto.

Reggio Children Footer per la Privacy

Informativa per la privacy

Informativa estesa sull'uso dei cookies

Reggio Emilia approach:
avviso per la tutela dell'autenticità

Reggio Emilia Approach, Reggio Children, Centro Internazionale Loris Malaguzzi, Pause Atelier dei Sapori sono marchi registrati.

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di terze parti”.
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa (Clicca qui).
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.
Accetto